venerdì 22 febbraio 2013

Vota Antonio, vota Antonio!

 
Mi piacerebbe vivere in un paese dove nessuno sottovaluti il lavoro di nessuno, dove non ci siano furbi che vogliono sfruttarti e poi buttarti via.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove la cultura sia importante. E non sia solo una riminiscenza storica.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove le donne abbiano rispetto di sè stesse, dove le adolescenti si ispirino a persone come Rita Levi Montalcini e non alle veline (che poi, chi se l'è inventato 'sto nome?).
Mi piacerebbe vivere in un paese dove i libri siano importanti, dove chi ama leggere non sia considerato un povero sfigato.
Mi piacerebbe vivere in un paese che non mi sottovaluti perchè sono giovane e donna.
Mi piacerebbe vivere in un paese che non discrimini gli anziani, gli animali, i deboli.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove TUTTI i bambini possano essere bambini.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove un terremoto non uccida sol perchè qualcuno ha omesso di controllare qualcosa e qualcun altro ha chiuso gli occhi sui controlli strutturali dell'edificio. Quando morirò vorrei che sia solo perchè è arrivato il mio momento, non perchè qualcuno non ha fatto il suo dovere.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove, con le mie forze, io possa costruirmi un futuro. Sudare, faticare, impegnarmi. Ma alla fine essere lieta del risultato raggiunto.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove ci siano gli strumenti, strumenti efficaci, per punire i crimini. Così da non vedere più vittime annunciate morire nei telegiornali, davanti a tutti.
Mi piacerebbe vivere in un paese dove le idee siano considerate un valore e non liquidate come "passatempi" o peggio ancora, sogni impossibili.
Mi piacerebbe vivere in un paese ove non esistano le leggi ad personam.
Mi piacerebbe vivere in un paese di giovani e per i giovani. Col rispetto assoluto dei meno giovani perchè loro sono la nostra memoria, noi il loro futuro.
Mi piacerebbe vivere in un paese onesto, democratico e civile.
E quando andrò a votare mi ricorderò di tutti questi vorrei.
Mi ricorderò di ogni telegiornale, ogni notizia. Mi ricorderò di ogni legge (o meglio, decreto legge) degli ultimi anni.
Mi ricorderò ( come se potessi dimenticarlo!) che sento di non avere futuro. E mi ricorderò anche chi devo ringraziare per questo.
Il voto è la nostra unica arma.
E non è vero che "Se servisse a cambiare qualcosa non ce lo farebbero fare" come ha detto qualcuno d'importante.
Noi, il popolo, abbiamo un potere immenso.
E' che, ogni tanto, ce lo dimentichiamo.
Voterò col cuore, e con la testa.
E sarò orgogliosa quando metterò la mia X sulla mia scheda elettorale.
Perchè qui si fa la storia perchè o si cambia o è finita.
Io voglio dire, voglio dirvi, che non sono per niente d'accordo a come avete gestito la Cosa Pubblica in mio nome e per mio conto.
E ricordatevi che non esistono "voti utili".
Esistono solo pensieri, espressioni e affinità.
Ognuno segua le sue.
E chi vivrà, vedrà.
Dimostriamo di non essere un popolo di coglioni.



7 commenti:

Roberta ha detto...

quanto sono orgogliosa di essere amica vostra! <3

Narcysa ha detto...

L'orgoglio è reciproco <3

Anonimo ha detto...

Mi sei piaciuta dal primo momento ti stimo molto! In bocca al lupo!!! <3Luisa.

Narcysa ha detto...

Grazie Luisa per la tua stima, anche in questo caso è reciproca :)
Facciamoci un grande in bocca al lupo, noi, tutti gli italiani :)

Anonimo ha detto...

tutti speriamo di vedere tempi migliori specialmente,noi vecchi,x i nostri figli!! Io sono apolitica,ma spero nel meglio anch'io! Grazie Narcysa! <3 Luisa.

Gloria Amaddii ha detto...

Brava Narcysa, condivido ogni singola parola che hai detto! Bellissimo post, che fa riflettere e fa venire voglia di cambiare qualcosa!

Narcysa ha detto...

Grazie Gloria! Proviamo a cambiare qualcosa in questo paese!!