domenica 26 dicembre 2010

Quel che vedo dalla mia scrivania


Piove.
Di quella pioggia pungente e fredda. Col freddo che ti penetra sin sotto la pelle, a farsi strada in mezzo al sangue.
Sommersa da stoffe, libri, codici e codicilli, in ascolto degli elementi.
In attesa di un pacco che sembra non arrivare, in pena per un bambino e in contemplazione dell'ultimo Cd di Carmen.
Alle prese con la creazione di pochette e fermagli molto particolari


Il tessuto è un broccato a fondo nero con disegni rossi, con il quale ho realizzato una pochette per una delle mie cantante preferita. Una rosa rossa e una veletta nera di tulle rigido.


Qui la luce è pessima ma si tratta di un fermaglio in velluto viola con rosellina bianca satin e tulle rigido arricciato.
Santo Stefano, primo martire, primo testimone.
Testimone di una storia che va avanti da duemila anni.
Freddo e regali di Natale da finire.
E voglia di una cioccolata calda di contrabbando.

2 commenti:

Francesca-Kinà ha detto...

Che luce magica nel tuo salotto, un vero caldo Natale...belle e retrochic al punto giusto i fermagli Narcysa Style...brava e raffinata come sempre!! Un abbraccio e buon inizio 2011, Kinà

Narcysa ha detto...

Grazie mille cara!!!
Buon inizio e buona fine :)