mercoledì 28 aprile 2010

Gli eterni ritorni

Stamane io e la Paraticante in Chief ci recavamo come di consueto in udienza.
Si sa, fare l'avvocato è un bel lavoro perchè si socializza con i colleghi con tutte quelle amene file da fare (rilascio copie, ruolo generale, attesa dell'arrivo del giudice di turno, notifiche e scarico degli atti, turno in udienza)e ci si mantiene in forma a furia di salire e scendere - di corsa - le scale dei vari tribunali.
Oggi.
Udienza, attesa del giudice, io plasmata con uno schedario.
Improvvisamente ci accorgiamo di una tipa che avevamo precedentemente notato: completino pantalone stampa animalier decorato con rouches nere, calza stampata a fiorellini tono su tono e scarpettina infiocchettata dietro.
Immancabile Vuitton al braccio.
Mi ricorda qualcuno ma non riesco a metter a fuoco il suo viso.
Dopo un comprensibile momento di smarrimento la Praticante in Chief mi rivela la sua identità: è un'assistente di una materia che ha fatto, fa e farà penare tutti gli studenti della mia facoltà.
Sia chiaro, la materia è complessa ma loro sono delle carogne.
E Lei, Completino Leopardato, è il subcomandante Marcos delle Carogne.
Bene.
A questo punto il lettore accorto si chiederebbe per quale ragione io abbia raccontato tutto questo.
Uno scopo c'è, ve l'assicuro.
Quando la tua controparte non arriva, se trattasi di prima udienza, occorre aspettare la c.d. ora contumaciale. Si aspetta, altrimenti il processo prosegue senza l'altra parte che viene, appunto, dichiarata contumace.
Ovviamente la nostra controparte non arrivava.
E io, sempre più mimetizzata con lo schedario grigio, attendevo in silenzio, messaggiando di quando in quando con la Creativa per eccellenza impegnata nella realizzazione del prototipo della borsa di rafia perfetta per l'estate presto su questi schermi.
In questi casi è inevitabile, sempre per la privacy, farsi quei buoni 100 gr di fatti altrui.
Ebbene, cosa scopro?
Che a casa di Completino Leopardato è crollato un soffito, presumibilmente a causa di infiltrazioni d'acqua provenienti da un appartamento vuoto.
Inutile cercare il responsabile: anni e anni di maledizioni proferite da studenti infuriati hanno dato i loro frutti.
Credo che sia socialmente utile fare del volantinaggio in facoltà, fuori dalle aule dove lei tiene esami, al fine di diffondere la notizia.
Io ovviamente ho già fatto la mia parte.
Il re mida ha le orecchie come un asino.

2 commenti:

poppy ha detto...

ghghghghghghg
BHUHUHUHAUAHAHAUHAUAHHHHHHHHHHHHHHHHHHUHAUAHUAHHAU



AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHH

o che peccato...mi dispiace,certe cose non dovrebbero accadere,oddio un soffitto crollato,che cosa spiacevole........mssfmmmm
mmmm ghghghg aaaaAAAAAAAHHAHAHAHHAH

Francesca-Kinà ha detto...

Ahhhhhh!!! Me la immagino tutta imbellettata con calcinacci e tubi che perdono tutt'attorno!! Che ridere! Certo le disgrazie non capitano solo a noi poveri tapini, la giustizia ogni tanto è anche questo!! Complimenti scrivi davvero bene, hai reso perfettamente l'idea di MRS. Completino Leopardato...baci e passa a trovarmi se ti va,neoblogger e neomamma Francesca-kinà