martedì 21 settembre 2010

Paesaggi marittimi e lacrime di cristallo

Mi piace definire la mia ultima fatica borsifera come paesaggio marittimo coperto di lacrime di cristallo.



L'idea di partenza era parecchio confusa.
Doveva essere qualcosa di molto sbrilluccicoso, fiocchettoso e con il nome della destinataria ricamato ma ciò che atteneva a colore, forma e particolarità varie rimaneva un fitto mistero.
Al colore pian piano ci siamo arrivati (embè, il nero lo abbini con tutto). Il resto è stato più complicato.
Ricami?
Forse qualche bel ramo di corallo sulla fantasia a pieghe, realizzato con una matassina di mulinè metallizzato per dare una bella luce.
Ma ancora non ci siamo.
E allora l'idea, l'aggiunta di cristalli Swarovsky che creano un fondale marino.



E il ricamo del nome della destinataria sul retro.


Il posto per il fiocco non c'era nella composizione.
E allora giù, una cascata di lacrime di cristallo.


L'interno è foderato in raso nero


Da queste idee un pò confusa è uscita fuori una borsa secondo me molto elegante e decisamente molto luminosa.
Voi cosa ne pensate? :)

3 commenti:

CriCri ha detto...

elegante e raffinatissima!
Ciao CriCri

Francesca-Kinà ha detto...

Bè direi..decisamente molto bella e raffinta!!;) Bravissima, quest'idea seppur confusa inizialmente, si è risolta in un successo! bacioni, Kinà

Narcysa ha detto...

Grazie ragazze!!!
Ero un pò indecisa visto che chi me l'ha ordinata era perplesso...però voi confermate la mia idea :)
Bacioni